Utilità Laurea estera

Utilità Laurea estera

Una laurea estera conseguita online presso la Selinus University è valida per vari scopi ma non per tutti. Serve ad esempio per migliorare il proprio profilo professionale generale, dare legittimazione ad una professione non riconosciuta, certificare il proprio sapere in specifici ambiti operativi, legittimare un ruolo manageriale, confermare una specifica professionalità. Si pensi ad esempio al direttore di una struttura ricettiva che ottiene un Master in Hotel and Food Management, ad un dirigente di banca che ottiene un Bachelor in Bank and Management , ad un Operatore Olistico che ottiene un Bachelor in Holistic Sciences, ad un poeta che riceve un Master in History and Techniques of Poetry, ad un manager o imprenditore che ottiene un Master of Business Administration, ad un funzionario pubblico o privato che vuole completare il suo profilo professionale per avanzamenti di carriera o per prestigio personale.

Insomma, la reputazione di una persona dipende in gran parte dalle sue competenze e dalla sua formazione. Per questo motivo, conseguire una laurea estera alla Selinus University che certifichi specifiche competenze professionali e aiuti a migliorare la carriera e il proprio profilo può essere determinante per raggiungere più facilmente i propri obiettivi professionali. Infatti, il completamento di un corso di studi per imprenditori e professionisti dimostra un livello indiscutibile di forza di volontà, responsabilità, motivazione, organizzazione personale. Queste competenze sono molto apprezzate a livello professionale, sul posto di lavoro e negli ambiti delle risorse umane.

La Selinus University è un fornitore internazionale di educazione non formale e non tradizionale a distanza che opera secondo le leggi del Commonwealth. I nostri programmi di apprendimento, volontariamente, in Italia, non essendo accreditati al MIUR, non seguono le norme del Ministero della Pubblica Istruzione e per questa ragione non possono essere equiparati a quelli di altri atenei o alle lauree italiane. Con le laure estere, in ogni caso, non si può parlare di “equipollenza” (conversione del titolo estero con il corrispondente titolo italiano), già prevista negli articoli 170 e 332 del R.D. 1592/1933, ora esplicitamente abrogati con l’introduzione della procedura del “riconoscimento finalizzato” prevista dalla legge 148/2002, propria di una concezione più moderna e coerente con gli obiettivi attuali dell’insegnamento superiore a livello internazionale.